Due sassi nello stagno

testata_32

 

 

 

 

 

  

Lo stagnante panorama editoriale italiano registra in questo inizio anno due significative novità. La prima è sicuramente l’uscita dell’edizione italiana di Wired, il magazine- fenomeno statunitense che in Italia vantava numerosi affezionati anche nell’edizione in lingua originale. Edita da Conde Nast, la mitica casa editrice di Vogue, Wired Italia segue le orme tracciate dall’originale trattando soprattutto temi legati all’Higth Tech, strizzando anche l’occhio a settori che in Italia sono marginalizzati. Facile prevedere un buon volume di vendite, vista anche la grafica accattivante (una delle cose che a casa nostra lascia molto a desiderare) e l’intevento di veri e propri guru di settore. L’intervista  al premio Nobel  Rita Levi Montalcini, testimonia quest’ultima affermazione.  Lanciato da un grosso battage pubblicitario, serata di presentazione a Milano e varie performance in giro per la città, riapre i battenti Playboy Italia, l’altra novità presente nelle edicole. Cancellata dai piani editoriali, insieme ad altre gloriose  riviste patinate, il magazine per antonomasia  per soli uomini, ritenta la carta italiana editata da Play Media Company. Sfogliandola , la solita formula. Belle ragazze, paginone centrale, racconti di firme celebri  e lusso ed extralusso. Le ragazze, secondo il mio modesto parere, non sono a livello dello standard della testata, ma offrono lo stesso un piacevole intrattenimento.  Difficile azzardare le prospettive di vendita, anche se la sensazione è che non si punti tanto al prodotto stampato ma alle immagini in movimento distribuite in vari modi. Le due riviste sono agli antipodi: proiettata al futuro Wired, “conservatore” Playboy.  Riusciranno i nostri eroi a rimanere a galla nella palude editoriale italiana? Alle  edicole l’ardua sentenza.

Annunci

~ di raw82 su marzo 9, 2009.

Una Risposta to “Due sassi nello stagno”

  1. Mimmuzzo, io scommetto su Wired. Per PB la vedo dura… si d’accordo ci possono essere gli amatori del genere, ma quanti sono rispetto a quelli che se ne vanno facili facili su Internet (come hai detto anche tu) a scaricarsi quello che gli pare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: